FIGLI DI UN DIO UBRIACO

Michela Lucenti / Balletto Civile

Palcoscenico Danza 2021 – produzione TPE

10-11 luglio 2021
TEATRO ASTRA, Torino

h 21, dom h 17

Figli di un dio ubriaco è il ritorno alla scena di Balletto Civile dopo il lockdown. Uno spettacolo con un cast enorme, interpreti dai 9 ai 76 anni, un affresco dolente di antieroi. Creato come un film dal montaggio serrato, ingloba le meravigliose partiture dei Madrigali di Claudio Monteverdi come una terra antica e fertile sulla quale costruire un possibile, fragile futuro. Il progetto è ispirato dalla commissione, rivolta alla Compagnia, di realizzare un nuovo spettacolo su musica barocca. Lavorando su un materiale in apparenza lontano, desueto, Balletto Civile ha cominciato a riflettere sul rapporto fra queste composizioni e la società contemporanea: «La straordinaria attualità del Barocco consiste nella spregiudicata libertà di un’arte capace di sperimentare all’infinito e in tutte le direzioni la propria potenza significativa, e questo ci appare di sorprendente attualità rispetto alla complessità delle dinamiche proprie del progetto contemporaneo». Il corpo in movimento è il fulcro del Barocco. Un corpo umano insieme titanico, imperfetto, fragile e dinamico, che diventa la dismisura narcisistica di tutte le cose. Di qui la scelta del titolo Figli di un dio ubriaco: esseri generati da un meraviglioso dio fragile, imperfetto, dionisiaco, che ci unisce nel continuo sperimentarci al cambiamento. E la magnifica, rivoluzionaria musica di Monteverdi accompagna spiritualmente l’abisso, la vertigine della carne in un manifesto di futurismo presente.

REGIA E COREOGRAFIA MICHELA LUCENTI-BALLETTO CIVILE / CREATO E INTERPRETATO DA MAURIZIO CAMILLI, LORIS DE LUNA, MICHELA LUCENTI, MAURIZIO LUCENTI, ALESSANDRO PALLECCHI, MATTEO PRINCIPI, PAOLO ROSINI, EMANUELA SERRA, GIULIA SPATTINI, ELISA SPINA, DEMIAN TROIANO E PER LA PRIMA VOLTA IN SCENA ERA AFFINI / PRODUZIONE BALLETTO CIVILE, TPE – TEATRO PIEMONTE EUROPA, FONDAZIONE CANTIERE D’ARTE MONTEPULCIANO / IN COLLABORAZIONE CON MONTEVERDI FESTIVAL CREMONA, FESTIVAL ORIENTE OCCIDENTE ROVERETO, DIALOGHI / RESIDENZE DELLE ARTI PERFORMATIVE A VILLA MANIN, TEATRO PETRELLA LONGIANO – CRONOPIOS, TEATRO DEGLI IMPAVIDI SARZANA / E CON IL SOSTEGNO DEL MIBACT