SCHWANENGESANG D744

Festival delle Colline Torinesi 25

dal 3 al 5 Gennaio 2021
TEATRO ASTRA, Torino

dom-lun-mar h 21.00

Come si può conoscere il dolore di un altro? Il filosofo Ludwig Wittgenstein sostenne che non è possibile, essendo il dolore un linguaggio privato compreso solo da chi lo parla in prima persona. A teatro, il pubblico è abituato a guardare la sofferenza senza sapere se il dolore proviene dal personaggio presente nel copione o da una memoria parallela del performer. Se una persona prova dolore a teatro, si tratta di vero dolore? O piuttosto di dolore rivestito da un abito scenico? Si tratta di quesiti irrisolvibili che la performance da camera Schwanengesang D744 di Romeo Castellucci lascia intatti, senza offrire una risposta, conservando la medesima potenza di quando i tragediografi dichiararono per la prima volta: «Io non sono la persona che sembro essere, non sento ciò che pare che io senta».

CONCEZIONE E REGIA ROMEO CASTELLUCCI / MUSICHE FRANZ SCHUBERT / INTERFERENZE SCOTT GIBBONS / CON KERSTIN AVEMO (SOPRANO) E ALAIN FRANCO (PIANISTA) / PRODUZIONE SOCÌETAS, FESTIVAL D’AVIGNON, LA MONNAIE/DE MUNT