NIENTE DI ME

uno studio

Produzione TPE

dal 25 al 27 settembre 2020
TEATRO ASTRA, Torino

ven-sab h 21.00, dom h 17.00

Dopo sei mesi di chiusura il Teatro Astra riapre le sue porte al pubblico con Re/Start, la Stagione settembre-dicembre 2020 di TPE – Teatro Piemonte Europa e Festival delle Colline Torinesi

L’apertura di stagione è affidata a una nuova, attesa produzione TPENiente di me, del drammaturgo norvegese Arne Lygre, ritenuto da molti l’erede di Henrik Ibsen e di Jon Fosse e mai rappresentato prima sulle scene italiane. Il testo è tradotto e diretto da Jacopo Gassmann, per la prima volta impegnato in una regìa con un teatro torinese. Gli interpreti sono Sara Bertelà (che il pubblico di TPE ha recentemente applaudito come Arsinoè in Molière / Il Misantropo di Valter Malosti e al Carignano in Una specie d’Alaska di Harold Pinter per Summer Plays), Michele Di Mauro e Giuseppe Sartori.

Uno spazio vuoto. Una donna e un uomo più giovane di lei. Si apre su una scena spoglia, il testo di Lygre. Sono lì, loro due, soli, entrambi lontani da un passato che si illudono di poter rimuovere. È un limbo sospeso fra ciò che è accaduto e ciò che sarà. Che potrebbe essere. Ogni cosa che l’uomo e la donna nominano prima o poi prende corpo: un tavolo, un divano, una camera con vista, il semplice desiderio di raggiungere il mare. Non è facile distinguere fra ciò che avviene per davvero e ciò che è solo affabulazione. Come nei processi onirici, la parola lascia alcune tracce in scena per poi cancellarle. Ma presto l’idillio d’amore si spezza. E il passato ricompare, costringendoli a fare i conti con le proprie ferite. Come Ibsen e FosseLygre gioca con i fantasmi della mente. Dice Gassmann: «Nei testi di Lygre i personaggi si esprimono su più piani linguistici e temporali. Spesso parlano di loro in terza persona, si guardano dall’esterno. Declinano le loro relazioni al presente, ma allo stesso tempo sono abitati da voci del passato e proiettati verso un futuro che sembrano già conoscere, desiderare, temere».

DI ARNE LYGRE / TRADUZIONE E REGIA JACOPO GASSMANN / CON SARA BERTELÀ, MICHELE DI MAURO, GIUSEPPE SARTORI / LUCI GIANNI STAROPOLI / PRODUZIONE TPE – TEATRO PIEMONTE EUROPA, TEATRO STABILE DELL’UMBRIA, CENTRO TEATRALE BRESCIANO / I DIRITTI DELL’OPERA NIENTE DI ME DI ARNE LYGRE SONO CONCESSI DA ZACHAR INTERNATIONAL, MILANO

Note di regìa
Jacopo Gassmann

Mi sono imbattuto nell’opera di Arne Lygre attraverso le traduzioni francesi dei suoi testi, messi più volte in scena da Braunschweig negli anni della sua direzione artistica alla Colline, e prima ancora da Claude Régy all’Odéon.

Arne Lygre è un autore di difficile collocazione. Non solo per quella porzione di mistero che aleggia nei suoi testi così sfuggenti eppure così profondamente quotidiani, ma soprattutto per la forma particolare del suo teatro, della sua scrittura. Lo stile ellittico, scarnificato sembrerebbe avvicinarlo in qualche modo all’opera di Jon Fosse, ma sono molteplici i rimandi e le possibili associazioni: «La prima forte influenza è stata quella di Werner Schwab», afferma. «Rimasi impressionato dal linguaggio nelle sue opere, in particolare Sterminio. Più tardi ho ritrovato un utilizzo simile del linguaggio nei romanzi di Thomas Bernhard. Ci sono alcune cose che ho preso a prestito da Beckett: lo spazio chiuso, la demarcazione fra il mondo esteriore e lo spazio del gioco… ma c’è senza dubbio nei miei lavori l’influenza di Brecht».

Nei testi di Lygre i personaggi si esprimono su più piani linguistici e temporali. Spesso parlano di loro in terza persona, si guardano dall’esterno. Declinano le loro relazioni al presente ma allo stesso tempo sono abitati da voci del passato e proiettati verso un futuro che sembrano già conoscere, desiderare, temere. Tutto ruota intorno al potere della parola e alla sua capacità di influire sui nostri destini e su quelli delle persone a noi care. Niente di me è, in questo senso, uno dei suoi testi più rappresentativi e struggenti.

La scena si apre nel pieno di una relazione erotica fra una donna e un uomo più giovane di lei. Siamo in un appartamento spoglio: uno spazio vuoto, tutto da riempire. Non sappiamo molto, se non quello che i due personaggi decidono di dirci. Presto capiamo che si conoscono da poco. Entrambi hanno scelto di isolarsi dal mondo e di mettere un punto a quella che è stata, fin lì, la loro esistenza. Sospesi in un limbo fra passato e futuro, provano a costruire la loro storia d’amore. Ogni cosa che nominano prima o poi prende corpo: un tavolo, un divano, una camera con vista, il semplice desiderio di partire verso il mare. Non è semplice distinguere fra ciò che avviene realmente e ciò che è pura affabulazione. Come nei processi onirici, la parola lascia delle tracce in scena per poi cancellarle.

Non esiste possibilità di catarsi nelle opere di Lygre. I suoi personaggi seguono il filo di un destino tragico rinunciando a qualsiasi tipo di sublimazione. Nel tentativo di scrivere la propria biografia, queste identità così fragili sono in perenne fuga da sé stesse. L’idillio dei due protagonisti, infatti, verrà presto interrotto dalla visita di alcune figure (persone? fantasmi?) del loro passato che li costringeranno a fare i conti con le proprie ferite.