I GIGANTI DELLA MONTAGNA

ROBERTO LATINI

venerdì 25 > domenica 27 ottobre
TEATRO ASTRA, Torino

h 21 – dom h 17 / durata 105 min (più intervallo)

Premio della Critica Anct 2015, Roberto Latini adatta e interpreta con il solo ausilio dei video di Barbara Weigel, le musiche di Gianluca Misiti (Premio Ubu per il progetto sonoro) e le luci di Max Mugnai, l’ultima opera teatrale di Pirandello, lasciata incompiuta per la morte dell’autore e rappresentata postuma nel 1937. Terzo «mito moderno» dopo il religioso Lazzaro e il sociale La Nuova Colonia, I Giganti della Montagna è il mito dell’arte. È la storia di una compagnia di attori girovaghi che giunge in un tempo e luogo indeterminati, al limite tra la favola e la realtà, alla villa detta La Scalogna. «Dopo le bellissime messe in scena che grandi registi e attori del nostro teatro recente e contemporaneo ci hanno già regalato, penso ci sia l’occasione di non resistere ad altre tentazioni. Voglio muovere dalle parole di Pirandello verso un limite che non conosco. Portarle “al di fuori di tempo e spazio”, come indicato nella prima didascalia, toglierle ai personaggi e alle loro sfumature, ai caratteri, ai meccanismi dialogici, sperando possano portarmi ad altro, oltre tutto quello che può sembrare».

DI LUIGI PIRANDELLO / ADATTAMENTO E REGIA ROBERTO LATINI / MUSICHE E SUONI GIANLUCA MISITI (PREMIO UBU 2015 “MIGLIOR PROGETTO SONORO O MUSICHE ORIGINALI”) / LUCI E DIREZIONE TECNICA MAX MUGNAI / CON ROBERTO LATINI / VIDEO BARBARA WEIGEL / ELEMENTI DI SCENA SILVANO SANTINELLI, LUCA BALDINI / ASSISTENTI ALLA REGIA LORENZO BERTI, ALESSANDRO PORCU / PRODUZIONE FORTEBRACCIO TEATRO/COMPAGNIA LOMBARDI – TIEZZI / IN COLLABORAZIONE CON ARMUNIA FESTIVAL COSTA DEGLI ETRUSCHI, FESTIVAL ORIZZONTI D’ ARTE, EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE