7-14-21-28

Flavia Mastrella / Antonio Rezza

Civiltà numeriche a confronto. La sconfitta definitiva del significato. Malesseri in doppia cifra che si moltiplicano fino a trasalire: siamo a pochi salti di distanza dalla sottrazione che ci fa sparire. Improvvisamente cessa il legame con il passato: corde, reti e lacci tengono in piedi la situazione. Si gioca alla vita in un ideogramma. Il tratto, tradotto in tre dimensioni, sviluppa volumi triangolari diretti verso l‟alto che coesistono con linee orizzontali: ma in verticale si muove solo l‟uomo. Qui non si racconta la storiella della buona notte, qui si porge l‟altro fianco. Che non è la guancia di chi ha la faccia come il culo sotto. Il fianco non significa se non è trafitto. Con la gola secca e il corpo in avaria si emette un altro suono. Fine delle parole. Inizio della danza macabra.

Scriveva Franco Quadri: «Qualcuno poteva forse pensare che, col trascorrere degli anni, il fenomeno Antonio Rezza – Flavia Mastrella fosse destinato a trovare un po’ di pace, se non il senso della ragione; e invece questa ragione ha sviluppato i suoi artigli fino a raggiungere la follia pura, ma elaborando il pensiero con un’acutezza così forsennatamente logica da fare a pezzi la sedicente realtà, assunta e cavalcata con criteri rigorosamente matematici».

 

Premio Speciale Ubu 2013 – Flavia Mastrella e Antonio Rezza

Per il lucido percorso di scavo nella crudeltà ottenuto attraverso il genio sfrenato di un attore e l’intuito plastico di un’artista visiva originale. Capaci di creare drammaturgia a partire da un disarmante trasformismo, e sempre concentrati sulle bassezze dell’umanità – intime e manifeste, individuali e collettive –, i due artisti plasmano una materia dagli esiti estremamente comici e spiazzanti creando un linguaggio feroce che nella sua misteriosa iperbole riesce a toccare anche un grado nascosto della grazia.

di Flavia Mastrella e Antonio Rezza

con Antonio Rezza

e Ivan Bellavista

assistente alla creazione Massimo Camilli

disegno luci Maria Pastore

FONDAZIONE TEATRO PIEMONTE EUROPA

in coproduzione con COOPERATIVA TEATRO91, REZZAMASTRELLA