PALCOSCENICO DANZA 2019

2a
14
FESTA-FLAMENCA
16
20
21
23aaaA
25
26
29
34
36

L‘undicesima edizione di Palcoscenico Danza è sicuramente tra le più variegate proposte finora. Un’edizione che è anche caratterizzata da una forte presenza femminile nel versante della creazione e interpretazione. Mi sembra giusto presentare la rassegna partendo da questo aspetto non scontato.

Ci sono due appuntamenti “contaminati” con prosa e poesia: Il Maestro e Margherita, con una strepitosa Michela Lucenti insieme con il Balletto Civile e il Teatro della Tosse di Genova, e Fiori di garza, felice abbinamento di danza e poesia con Cristiana Casadio e Laura Fusco.

Tra gli spettacoli più «danzati» il ritorno di Cristiana Morganti, proprio nel giorno della festa della donna, con un duetto femminile: A fury tale interpretato dalle fuoriclasse Anna Wehsarg e Anna Fingerhurt.

Una forte presenza è quella del Tulsa Ballet, una delle dieci compagnie top degli Stati Uniti con i suoi trenta danzatori. Ci presenta la creazione Shibuya Blues di Annabel Lopez Ochoa, la coreografa donna più richiesta a livello mondiale. Nello stesso programma due autentiche pietre miliari della coreografia agli antipodi fra loro: Le Table Vert di Kurt Joos e lo spumeggiante Who cares? di George Balanchine, capolavori danzati con maestria assoluta dai meravigliosi danzatori del Tulsa Ballet.

Anche il Made4You dell’edizione 2019, appuntamento dell’Eko Dance Project dedicato alla coreografia emergente, si tinge di rosa dando spazio oltre all’artista selezionato Fabio Liberti, alle due promettenti artiste Francesca Frassinelli e Barbara Gatto.

Lo spettacolo Viaggio nel mondo della danza, ideato per un pubblico giovanile, è dedicato a tre eroine del balletto classico rivisitate dal genio di Mats Ek. Lo spettacolo è stato ideato da Pompea Santoro, una delle più importanti danzatrici italiane alla quale Palcoscenico Danza, in collaborazione con Torinodanza, ha dedicato lo scorso ottobre un omaggio in occasione dei suoi quarant’anni di carriera.

Oltre a questi spettacoli declinati al femminile segnaliamo l’apertura del festival con il Ballet Flamenco di José Huertas, erede artistico del grande Antonio Gades, il felice ritorno della MM Contemporary Dance Company, fiore all’occhiello della danza italiana e sempre più presente nei festival di mezzo mondo, il Balletto Teatro di Torino con un prezioso trittico assemblato appositamente per Palcoscenico Danza preceduto dal lavoro di un coreografo promettente del territorio scelto dal Festival Interplay.

Riproponiamo, per chiudere, quello che è stato un bel successo home made della scorsa edizione: Messiahaendel, creazione del sottoscritto danzata dal sempre più agguerrito Eko Dance International Project che ritorna sul palco del Teatro Astra dopo una fortunata tournée spagnola.

(Paolo Mohovich)

PALCOSCENICO DANZA è un progetto realizzato da TPE – Teatro Piemonte Europa / direttore artistico Paolo Mohovich